Una modesta proposta

In questo periodo di crisi e sacrifici, di aumenti di tasse e riduzione dei posti di lavoro, vorrei avanzare una modesta proposta: prima di tagliare i redditi delle persone (in primis dei lavoratori dipendenti) non si potrebbero tagliare le spese platealmente inutili?

Comincio ad elencarne una: l’illuminazione notturna delle strade extraurbane.

Quanto ci costa tenere illuminati a giorno chilometri di svincoli, bretelle autostradali, viabilità secondarie? Le automobili non hanno forse già i fari per farsi luce? Che bisogno c’è di consumare terawatt di energia elettrica, di bruciare gas, carbone e petrolio acquistati dall’estero, per far luce alle tre di notte su un pezzo di asfalto dove passano solo autoveicoli già dotati di una propria fonte d’illuminazione?

Passi per le vie cittadine, per i piccoli centri urbani, per i paesini (dove pure si potrebbe ragionare di installare fonti luminose più discrete e meno energivore), ma a che serve siano illuminati i caselli autostradali, le aree industriali deserte, gli svincoli?

Ricordo quando iniziai a guidare l’automobile (parliamo della fine degli anni ’80, non dell’alto medioevo), tra le ore undici e mezzanotte l’illuminazione stradale veniva dimezzata, e si notava, rientrando a casa in macchina, lo spegnersi di parte dei lampioni.

Poi siamo diventati tutti più ricchi e spendaccioni, abbiamo piazzato luminarie dappertutto, anche dove non servivano, e le abbiamo tenute perennemente accese. Beh, la pacchia è finita, e non solo ci tocca pagare i debiti pregressi, ma nessuno ha l’intelligenza o forse il coraggio di cominciare a tagliare spese platealmente inutili.

Scusate questo piccolo sfogo, ma per un appassionato di astronomia come me oltre al danno si aggiunge la beffa dovuta al fatto che quest’illuminazione inutile e costosa ha pure cancellato la visibilità del cielo notturno. Spegniamo questi cavolo di lampioni e ricominciamo ad abituarci ai cicli naturali del giorno e della notte.

Annunci

10 thoughts on “Una modesta proposta

  1. Modestamente dissento. Sarebbe importante poi non lamentarsi dei lampioni spenti quando mettono sotto un ciclista sulla provinciale.
    L’illuminazione stradale è un inutile spreco dato che i veicoli hanno i fari? Sarei prudente su questo. Preferisco andare a giocare col cannocchiale lontano dalle luci e lasciare le strade molto bene illuminate; francamente anche il casello e lo svincolo.

  2. Il dissenso è consentito, ma costruirei ciclabili in sede propria al posto dei lampioni, salvano molto di più.
    Poi ti domanderei se hai un’idea di “quanto” lontano dalle luci occorre andare per ritrovare un cielo decente, ma sono convinto che tu non lo sappia.
    Per me che abito a Roma andare “lontano dalle luci” significa farmi un’ora e mezza di macchina, spendere tra i 30 e i 40 euro tra autostrada e benzina, e rimediare un cielo dove le galassie si vedono a fatica. Meno buono di quello che ancora sopravvive (molto a fatica) in Maremma, a due ore e mezza di macchina, che a sua volta è molto inferiore a quello della Corsica, a un giorno di viaggio, che a sua volta è ancora molto inferiore ad un cielo “vergine” come quello del deserto.

    Ti faccio una domanda: quand’è stata l’ultima volta che hai visto la via lattea in vita tua?

  3. ottimo post.
    Però nn cè bisogno di Spegnere totalmente le luci.
    Biosgna semplicemente aggiornare i lampioni stradali con lampioni a LED per risparmiare enormi quantità di soldi (da consumo elettrico). Fare un piano contro l’iquinamento luminoso con lampioni che abbiano la luce posizionalmente orientata verso la sede da illuminare. Evitare assolutamente la fuga della luce verso l’alto.

    Vantaggi:
    1) risparmio immediato per il comune sui consumi
    2) risprmio a medio/breve termine per i comuni sulla MANUTENZIONE (sulle usure/”rotture” delle lampade tridizionali rispetto alle lampade a LED).
    3) Investimenti in INDUSTRIE innovative (non decotte a fine ciclo vita tecnologico) che producono/sviluppano brevetti tecnoligie applicate al LED.
    4) Ricadute positive sull’occupazione ad alto valore tecnologico aggiunto.
    5) possibile sviluppo di una industri ainterna collegata alla RICONVERSIONE energetico/ambientale di tutta Europa. in un mercato che sarà sempre più centrale non decotto allo stadio terminale di sviluppo.

    In fin dei conti per lo stato sarebbe una PARTITA di giro..
    Esternalità positive:
    Cielo visibile abbattimento dell’inquinamento luminoso.


    • Non è che sia contrario all’innovazione tecnologica, è che preferisco il buio. Sono d’accordo con te che l’illuminazione a led ci consentirebbe di risparmiare rispetto allo spreco attuale, ma avrebbe comunque dei costi, mentre spegnere ha costo zero.
      Quello che temo di più dei led è che, in assenza di una Specifica Tecnica a livello legislativo sulla quantità di luce che debba arrivare al suolo, si sostituiscano i lampioni attuali con altri ancora più potenti. A quel punto puoi anche avere zero emissioni verso l’alto, ma la quantità di luce riflessa dal suolo basterà a peggiorare sensibilmente l’IL (inquinamento luminoso).

      Quanto ai led, del poco che ne so, sono tecnologie di cui non possediamo né produzione né brevetti, e ci limitiamo ad acquistarle dai cinesi (come per i pannelli solari, peraltro…) e “reimpacchettarle” (i.e. si comprano gli emettitori luminosi e ci si fabbrica intorno il faretto di design).

  4. Capisco, cio’ che non voglio è aumentare l’IL.
    Però trovo difficile che possano essere spente le luci, a vlte è anche un fatto di sicurezza.
    Concordo con te sul furto alle ultime generazioni del cielo notturno e del ciclo luminoso.
    Continuo a sperare in una maggiore consapevolezza dei cittadini e nascita di senso critico(e quindi legislazionia deguate) per abbattere sia i consumi sia l’IL.

    Per quanto riguarda i led è vero che principalmente vengono importati, ma per far nascere valore aggiunto e brevetti bisogna finanziare un mercato interno e non stare a guardare.
    Perchè anche solamente le ditte che installano i pfv creano posti di lavoro.
    E spesso il design ha maggiore Valore Aggiunto del bulbo elettrico in se’.
    E poi è una tecnologia non matura quindi i brevetti da implementarci sopra sono ancora da scoprire in larga parte. Ma bisogna far nascere un industria al caso..
    Noi italiani saremmo anche bravi in questo..
    Magari proprio inventando un led con una frequenza di luce a bassa riflessione e a basso impatto di inquinamento luminoso..
    Buone feste.

    • Sulla sicurezza ho le mie perplessità. Il fatto è che una strada illuminata dà una maggior sensazione di sicurezza di una buia, e questo invoglia gli automobilisti a correre di più. Ho letto di uno studio tedesco (ora non trovo il link) che dimostrava come una ridotta illuminazione diminuisse il numero e la gravità degli incidenti stradali.

      E del cielo notturno non si è persa solo l’esperienza quotidiana, si è persa ormai anche la memoria…

  5. Pensiamo anche agli enti inutili, ma talmente inutili ….

    Eccone uno : il CNEL, il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, organo costituzionale totalmente inutile, ma che spende alcune decine di milioni di euro all’anno solo per mantenere se stesso, con stipendi da favola, gettoni idem e una sede fantastica a Villa Borghese.

    E non parliamo della Presidenza della Repubblica, che ogni anno costa una fortuna ai contribuenti, e si potrebbe facilmente ridurre dell’80 %.
    Nick

    • Nick, se cominciassimo da subito a sistemare tutti gli sprechi e le malversazioni dello stato italiano, per completare il lavoro ci vorrebbero venti o trent’anni. E tuttavia da qualche parte bisognerà pur cominciare. Il guaio è che più aspettiamo più il riassetto sarà drammatico…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...