T. S. Eliot – East Coker

In my beginning is my end. In succession
Houses rise and fall, crumble, are extended,
Are removed, destroyed, restored, or in their place
Is an open field, or a factory, or a by-pass.
Old stone to new building, old timber to new fires,
Old fires to ashes, and ashes to the earth
Which is already flesh, fur and faeces,
Bone of man and beast, cornstalk and leaf.
Houses live and die: there is a time for building
And a time for living and for generation
And a time for the wind to break the loosened pane
And to shake the wainscot where the field-mouse trots
And to shake the tattered arras woven with a silent motto.

Me lo avessero detto, a scuola, che un giorno mi sarei appassionato ai poeti inglesi, penso non ci avrei creduto. Magari “appassionato” non è la parola giusta (“affascinato” è più esatto) ma mi è accaduto di scoprire versi incredibili, che raramente ho incontrato nella mia madrelingua.

Magari è semplicemente per mia ignoranza, oppure il fascino di una lingua straniera, la cui parziale comprensione apre fantasia ed immaginazione a possibilità più ampie di quelle consentite da un testo perfettamente comprensibile, o forse ancora l’affinità dei temi trattati, e della forma, con la mia personale sensibilità. Non so.

In my beginning is my end. Now the light falls
Across the open field, leaving the deep lane
Shuttered with branches, dark in the afternoon,
Where you lean against a bank while a van passes,
And the deep lane insists on the direction
Into the village, in the electric heat
Hypnotised. In a warm haze the sultry light
Is absorbed, not refracted, by grey stone.
The dahlias sleep in the empty silence.
Wait for the early owl.

Sono incappato in T. S. Eliot, o per essere più precisi in questo “East Coker”, seconda parte di “Four quartets”, quasi casualmente, diversi mesi fa, grazie ad un blog. A lettura appena iniziata mi colpì la musicalità dei versi, i suoni stessi delle parole, alcune erano note ed amiche, altre incomprensibili ed arcane, ma forse proprio per questo affascinanti.

Ricordo che, da solo, cominciai a leggerlo a voce alta solo per ascoltare quei suoni, con brandelli di significato, evocati dalle parole note, che si mescolavano in un caos turbinoso. Magari non sarà la maniera più ortodossa di approcciare la poesia, ma in quel momento un ponte era stato gettato, un’affinità sancita.

In that open field
If you do not come too close, if you do not come too close,
On a summer midnight, you can hear the music
Of the weak pipe and the little drum
And see them dancing around the bonfire
The association of man and woman
In daunsinge, signifying matrimonie—
A dignified and commodiois sacrament.
Two and two, necessarye coniunction,
Holding eche other by the hand or the arm
Whiche betokeneth concorde. Round and round the fire
Leaping through the flames, or joined in circles,
Rustically solemn or in rustic laughter
Lifting heavy feet in clumsy shoes,
Earth feet, loam feet, lifted in country mirth
Mirth of those long since under earth
Nourishing the corn. Keeping time,
Keeping the rhythm in their dancing
As in their living in the living seasons
The time of the seasons and the constellations
The time of milking and the time of harvest
The time of the coupling of man and woman
And that of beasts. Feet rising and falling.
Eating and drinking. Dung and death.

Eccoli, i miei temi: la vita, la morte, la danza delle emozioni. Quello che ho provato a raccontare, in estrema sintesi, con “creature di carne e sangue, ossa curvate dal tempo …e sogni di felicità”. Il susseguirsi dei giorni, delle stagioni, il ciclo della vita.

Dawn points, and another day
Prepares for heat and silence. Out at sea the dawn wind
Wrinkles and slides. I am here
Or there, or elsewhere. In my beginning.

Il primo movimento si chiude con l’alba, l’inizio. E ce ne sono altri quattro. Troppi per poterli anche solo raccontare senza scrivere un libro. Ascoltate come si chiude il secondo, ed inizia il terzo:

The only wisdom we can hope to acquire
Is the wisdom of humility: humility is endless.

The houses are all gone under the sea.
The dancers are all gone under the hill.

III

O dark dark dark. They all go into the dark,
The vacant interstellar spaces, the vacant into the vacant,
The captains, merchant bankers, eminent men of letters,
The generous patrons of art, the statesmen and the rulers,
Distinguished civil servants, chairmen of many committees,
Industrial lords and petty contractors, all go into the dark,
And dark the Sun and Moon, and the Almanach de Gotha
And the Stock Exchange Gazette, the Directory of Directors,
And cold the sense and lost the motive of action.
And we all go with them, into the silent funeral,
Nobody’s funeral, for there is no one to bury.

Questo è ciò che ci attende: la morte, la scomparsa, la perdita di tutto, anche della memoria di ciò che siamo stati. E non solo noi, ma tutto ciò che è. Le case scomparse sotto il mare, i danzatori sotto la collina. Ed anche questa, a suo modo, è una danza, quantomeno la parte finale, il compimento.

Il terzo movimento si chiude con una profezia sul passaggio, sulla necessaria perdita di tutto quello che abbiamo per giungere a ciò che ci manca, sulla necessaria perdita di sé, per poter diventare ciò che non siamo.

You say I am repeating
Something I have said before. I shall say it again.
Shall I say it again? In order to arrive there,
To arrive where you are, to get from where you are not,
You must go by a way wherein there is no ecstasy.
In order to arrive at what you do not know
You must go by a way which is the way of ignorance.
In order to possess what you do not possess
You must go by the way of dispossession.
In order to arrive at what you are not
You must go through the way in which you are not.
And what you do not know is the only thing you know
And what you own is what you do not own
And where you are is where you are not.

Il quarto movimento concerne la fede cristiana, ed è quello a me più lontano. Non sono portato per la trascendenza, ma c’è almeno una frase che mi fa riflettere: “per poter essere guarito, il nostro male deve prima peggiorare”. Nel quinto movimento c’è il ritorno al presente, la conclusione del viaggio che riporta al punto di partenza, il viaggio stesso.

Home is where one starts from. As we grow older
The world becomes stranger, the pattern more complicated
Of dead and living. Not the intense moment
Isolated, with no before and after,
But a lifetime burning in every moment
And not the lifetime of one man only
But of old stones that cannot be deciphered.
There is a time for the evening under starlight,
A time for the evening under lamplight
(The evening with the photograph album).
Love is most nearly itself
When here and now cease to matter.
Old men ought to be explorers
Here or there does not matter
We must be still and still moving
Into another intensity
For a further union, a deeper communion
Through the dark cold and the empty desolation,
The wave cry, the wind cry, the vast waters
Of the petrel and the porpoise. In my end is my beginning.

Penso che un giorno mi piacerebbe cimentarmi con la traduzione di questo lavoro, ma dovrò prima trovare molto, molto tempo a disposizione. Chissà… Nel frattempo, se siete arrivati fin qui, potrei anche suggerire di leggervelo in versione integrale, in tutto il suo splendore.

6 thoughts on “T. S. Eliot – East Coker

  1. A different language it’s also a different way of life and think, it isn’t easy to undestand but, we have to try… maybe we’ll don’t undestand perfectly but we’ll can ear the sound of that soul.
    La faccio basta che n’è che ce pijo tanto…
    M!!!

  2. Caro Marco! Anch’io nel mio articolo del 14 novembre avevo menzionato Eliot (ho scritto su Hemingway e sugli primi frasi di diversi gialli), e mio amico Marcel ha lasciato un commento citando T. S. Eliot. Lui è un americano, strano, sembra veramente inglese. Certamente leggerò la poesia integrale. Il ritmo e la melodia per esempio di “Waste Land” mi è entrato “nella pelle” … quando ho letto Edward Lee Masters (“Spoon River Anthology”), sempre appariva il ritmo di alcuni frasi di Eliot, si faceva sentire …
    http://kritische-ausgabe.de/index.php/archiv/1325/
    Saluti Manfred.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...