Internet, comunicazione e parola scritta

Osservare e comprendere le trasformazioni sociali nell’arco di tempo in cui si producono è già del suo un’impresa titanica. Alla nostra generazione è toccata in sorte uno di questi cambiamenti epocali, l’avvento di un nuovo paradigma della comunicazione, la "rete delle reti": internet. Una realtà in tale costante, tumultuosa, rapidissima trasformazione da risultare impredicibile ai suoi stessi più entusiasti fautori.

Ancora non avevamo pienamente metabolizzato le potenzialità del web 1.0 (così sono state definite le pagine statiche che si usavano fino a qualche anno fa, ed in casi specifici ancora adesso), ed eccoci proiettati nel "web 2.0", il web "sociale", una realtà talmente nuova ed imprevista da renderci tutti cavie di una sorta di esperimento globale sulla capacità di adattamento umana.

Come stiamo reagendo? Bene? Male? Impossibile dare una risposta certa. Non passa giorno senza che ci si renda conto di qualcosa di nuovo che è divenuto possibile fare, che prima non era neppure immaginabile. Navighiamo a vista con questi nuovi strumenti, credendoli molto più semplici di quanto non siano in realtà.

La "comunicazione asincrona" è di per sé una formidabile invenzione, consente di condividere conoscenze e competenze nei tempi e modi che ognuno/a ritiene più adatti. Per fare un esempio, questo articolo che sto scrivendo verrà letto molte volte in tempi successivi alla sua pubblicazione, e qualcuno/a potrà aggiungere il proprio contributo scrivendo un proprio commento. Ma resta una comunicazione parziale.

L’essere umano si è evoluto per utilizzare una comunicazione diretta, da persona a persona. La quantità di informazioni scambiate in questo tipo di relazione, consce ed inconsce, è probabilmente di un ordine di grandezza superiore a quelle che possono essere veicolate dalla semplice parola scritta, e riguardano nel particolare le sfere emotive e partecipative legate alle informazioni scambiate.

Dirsi a voce, di persona, una frase neutra come ad esempio "l’appuntamento è alle 10 nel tale posto", consente di far capire all’interlocutore se la sua presenza è gradita o meno, se siamo interessati/e a che partecipi, se ci teniamo alla sua presenza. La parola scritta è un dato freddo ed inerte, e ci lascia in balia delle interpretazioni personali.

Purtroppo nell’isolamento individuale prodotto dalla struttura urbanistica delle nostre case e città, poter attingere al serbatoio emotivo della comunicazione asincrona diventa spesso una necessità, ed una cosa che ho realizzato solo recentemente, e direi tardivamente, è che la preferenza per l’utilizzo di questa forma comunicativa è, salvo rari casi, inversamente proporzionale alla capacità empatica degli individui.

Persone con grande capacità empatica risulteranno insoddisfatte dei limiti della comunicazione asincrona, tendendo a privilegiare altre modalità più dirette e coinvolgenti, altri, con problemi di relazionamento interpersonale, riverseranno sul web la propria necessità di contatto umano, con risultati quasi sempre insoddisfacenti.

Forse, e sarebbe una chiave di lettura in fondo ottimista, è questo il motivo per cui l’Italia è tanto indietro per quanto riguarda la penetrazione di internet nelle case, ed il suo utilizzo. Rispetto ai popoli tecnologicamente più avanzati (e forse anche più alienati…) viviamo e ci nutriamo di una sfera emozionale e relazionale diffusa, di una rete di rapporti e relazioni più estesa ed appagante.

N.b.: quanto affermato fin qui non significa che a breve mi riprometta di chiudere il "Mammifero Bipede", solo che inizierò, ed inviterò anche altri a farlo, a rimettere in discussione le reali potenzialità offerte dai servizi "web based" di portare utili contributi alla nostra vita emotiva e relazionale (anzi, guardando indietro, probabilmente è già da un po’ che mi sto muovendo in questa direzione).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...