Tre in uno

Tra il viaggio in Albania e la stesura del lungo resoconto non ho avuto molto tempo per registrare su questo diario "on-line" le cose che ci metto su di solito. Ad esempio i libri. Invece nelle lunghe tratte in treno, nelle notti in traghetto, c’è un sacco di tempo per leggere, e in quest’ultimo mese ho potuto "smaltire" una piccola parte dei libri (ahimé) accumulati nel corso degli anni.

Image Hosted by ImageShack.usIl primo, per la verità, non era affatto "accumulato", essendo uscito nelle edicole alla fine di luglio. "Venti Galassie" è un’antologia di racconti di fantascienza molto freschi: "Year’s best sf n°9" è uscito nel 2004 e raccoglie i migliori racconti dell’anno prima. Dopo aver tanto lamentato il fatto che Urania pubblichi troppo spesso storie stravecchie avevo onestamente grosse aspettative nei confronti di questo volumetto, e non sono andate deluse.

Di venti racconti, molto diversi tra loro ma tutti stimolanti, quello che mi è piaciuto di più è "La notte del tempo" di Robert Reed che arriva, al termine di un affresco di respiro epocale, ad affermare una verità semplicissima, ma molto profonda sull’animo umano.

Image Hosted by ImageShack.usDelude invece "Artificial kid" di Bruce Sterling, almeno per me che ho sempre apprezzato la caustica vena politica di uno dei due "padri del Cyberpunk", lontano anni luce dalla critica sociale ed economica di "Caos USA" e dalle geniali intuizioni dell’ormai antico "La matrice spezzata" questo romanzo sembra una versione aggiornata degli affreschi "paesaggisti" di Jack Vance.

Molta coreografia ma personaggi privi di spessore e di fascino, inseriti in un plot non particolarmente entusiasmante se non per le trovate "scenografiche" determinate dal bizzarro mondo in cui si trovano ad agire. Non un brutto libro, ad ogni modo, ma Sterling ci aveva abituato a ben altro.

Image Hosted by ImageShack.usL’ultimo, iniziato in Albania e finito pochi giorni fa, è uno di quei "classici" che periodicamente vengono ripubblicati solo per tornare nuovamente nel dimenticatoio per lunghi anni. "Morire dentro" di Robert Silverberg è un romanzo controverso e difficilmente catalogabile, a farla da padrone non sono scenari futuribili o innovazioni tecnologiche, bensì la situazione inconsueta data dal "dono" che possiede il protagonista di leggere nei pensieri più riposti degli altri. Il tutto, per di più, in un’ambientazione contemporanea che di più non si può (la New York degli anni ’70, che già adesso ci appare lontana nel tempo) fa di questo libro la fotografia di un momento storico, delle sue tensioni ed aspirazioni.

Tra conflitti psicologici irrisolti, spaccati di personalità complesse, ossessioni sessuali e limiti umani insormontabili (da cui il fatto che da questa sua capacità straordinaria egli riesca a ricavare poco o nulla di vantaggioso) il telepate Selig ripercorre le tappe della sua vita, cercando da un lato di accettare la perdita del suo potere e della sua unicità, dall’altro di trovare nuove motivazioni nel doversi rapportare agli altri su un piano di parità. Fino a scoprire, alla fine dei conti, che un potere di questo tipo è probabilmente preferibile non averlo.

Come per "Vacanze nel deserto", altro suo capolavoro dello stesso periodo, anche qui il pretesto fantascientifico (o "fantasy") serve a Silverberg per scavare a fondo nell’animo umano, regalandoci una storia avvincente ed inquietante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...