Un addio alle polemiche

“Penso che sia giusto, giunti a questo punto, che il percorso iniziato alcuni mesi fa si concluda qui. È stato un anno faticoso ed interessante, in cui ho cercato di portare avanti idee ed iniziative, con risultati altalenanti. Al momento attuale, tuttavia, non sussistono i presupposti minimi di rispetto reciproco perché la mia presenza su questo Blog abbia ancora motivo d’essere, ragion per cui tolgo il disturbo. Spero che la mia assenza contribuisca a rasserenare gli animi ed a stemperare il clima di aggressività e conflitto che si è registrato nelle ultime settimane. Per quanto riguarda i progetti avviati continuerò a farmene carico, nella speranza che qualcuno/a possa eventualmente darne conto anche su questo Blog. Siccome non mi piace fare le cose a metà mi asterrò anche dal commentare quanto qui pubblicato, ivi inclusi i commenti a quest’ultimo post. Buone pedalate a tutte/i.”

Con queste parole si è conclusa poco fa la mia partecipazione al Blog collettivo Romapedala, a cui ho partecipato attivamente negli ultimi mesi ricavandone da un lato grandi soddisfazioni, dall’altro, a volte, delusioni cocenti. È stata comunque un’esperienza importante, nonostante l’amara conclusione. L’augurio a chi resta è che si rassereni il clima di aperto (e per me del tutto incomprensibile) conflitto che si è registrato negli ultimi mesi e possa continuare ed arricchirsi un’esperienza che a Roma non ha eguali.

Aggiungerei solo, come ultimo commento, “the secret to a long life is knowing when it’s time to go”.

13 thoughts on “Un addio alle polemiche

  1. Peccato, mi piaceva il modo in cui in questi mesi hai esposto le tue idee radicali, nel senso che erano idee nuove e comunque fuori dagli schemi. E mi sono piaciute anche le tue foto, che evidenziano sensibiltà e competenza tecnica.
    Credo che le tua presenza in “Roma Pedala” abbia mostrato al “popolo della rete” che, grazie all’impegno di Alberto e di chi partecipa attivamente al blog, esiste un’arena davvero libera dove è possibile il libero scambio di idee, anche frontalmente contrapposte, al fine non di sviluppare sterili polemiche ma di cercare le soluzioni migliori. In un paese dove l’inciucio, la lotta sottobanco e il consenso formale bulgaro sono la regola, credo che la tua uscita dal dibattito sia davvero una perdita.
    E’ vero, c’è stata qualche polemica, anche forte talvolta, ma a me è sempre sembrato tutto nella logica di un confronto leale, sportivo (per rimanere vicini al mondo che ci accomuna) al termine del quale non resta ruggine ma, semmai, la voglia di ricominciare al più presto.
    Un augurio a te e a chi ci legge: che le parole non tradiscano mai le idee che devono trasmettere.
    Un caro saluto
    magociclo

    PS: ho postato qui il commento al tuo post per darti la possibilità, se ne avrai voglia, di replicare, visto che hai comunicato che non è tua intenzione rispondere su Roma pedala.

  2. Mi sembra assurdo e incomprensibile tutto questo “furore”:

    lo so , siamo delusi da come si è evoluta questa società occidentale che aveva promesso benessere ed equità sociale ed invece si è fatta sopraffare dagli istinti belluini della prevaricazione fanatica ed esibizionista.

    Andare in bici per molti di noi è una convinta “protesta” ed esempio che un’altra via è ancora possibile.

    E che succede invece?

    Prevalgono queste logiche fratricide e questi toni violenti.

    Sono rattristato che i pochi veri “soggetti politici” che stimo e da cui mi aspettavo, pur in un ambito minimalista e minoritario, idee e soluzioni innovative e creative per dare nuovo slancio al positivismo della gioia di vivere si scannino a questi livelli.

    Tutti coviamo incredibili buchi neri nel nostro essere,

    ma tutti disponiamo di immensi tesori da mettere a disposizione per il miglioramento del mondo.

    Cercare di essere protagonisti non è necesseriamente un male, se lo si fa coscienti di quanto siamo effettivamente piccoli e di breve durata esoprattutto si rispettano anche gli altri “protagonisti”.

    Mi auguro che le vostre COMPAGNE vi riconcilino ancora.
    Siete preziosi per tutti noi.

    AVe caiofabricius Vale

  3. Vi ringrazio per avermi “inseguito” fin qui. Per quanto mi riguarda la situazione non è risolvibile né sul piano personale, né su quello collettivo. Il tempo dirà se ho torto o ragione.

    Però credo che voi ed altri meritiate un’analisi più articolata, e mi riservo di utilizzare per questo lo spazio di un un intero futuro post.

  4. Solo due righe per manifestare solidarietà con te e Sergio.
    L’attacco che avete subito è, a mio parere,non solo totalmente ingiustificato ma soprattutto carico di una aggressività ed un astio assolutamente inaccettabile.
    Sembra proprio che la Lokomotiv abbia la coda di paglia…
    Ho cancellato Romapedala dai miei preferiti…peccato.

    Saluti
    Alessandro IlBiondo

  5. Ti ringrazio per il messaggio,
    Evidentemente non ero il primo a fargli notare una certa predominanza di

    post di un certo tipo, che ripeto non dispiacciono, ma insieme a quelli mi

    sarebbe piaciuto vedere messaggi del tipo:
    “Oggi vado in Caffarella, chi vuole unirsi sono li alle xx”,come si vedeva

    qualche tempo fa’.
    oppure
    “Organizzo uscina genitori e figli al parco degli acquedotti,appuntamento

    alle yy”.
    Infondo chi legge quel blog, lo fa’ anche per cercare opportunita’ di

    incontro con altri individui che hanno lo stesso hobby, andare in bici.

    Comunque sullo spunto della mia proposta sono uscite fuori belle idee,
    chissa che qualcuno che ha piu’ tempo e capacita’ organizzativa non ne

    tragga qualcosa di concreto.

    Non mollare RomaPedala (e questo vale pure per Marco), infondo resta

    l’unico punto di aggregazione attivo sul web romano, basta solo restare a

    guardare.

    Sergio

    p.s. Marco scusa se uso il tuo blog per rispondere.

  6. @ Alessandro
    Grazie per la tua presa di posizione, anche se penso che ne serviranno parecchie altre perché certe persone riescano a ripensare i propri atteggiamenti. Ma continua a seguire RomaPedala, il fatto che io abbia scelto un’altra strada non significa che tutto il resto sia da buttare, anzi.

    @ Sergio
    La tua Proposta mi ha messo in moto parecchie idee, non è escluso che provi a proporla a Ruotalibera per il 2008, con cadenza mensile, magari raddoppiando in primavera ed estate.
    Intanto ti giro la palla, saresti interessato a partecipare attivamente a costruire questa cosa?

  7. Per mia indole sarei portato a buttarmi a capofitto in una impresa del genere.
    Tuttavia mi prenderò un po’ di tempo per discuterne con la mia meta’, la quale poi subisce le conseguenze maggiori dei miei slanci di “altruismo”, che puntualmente lei scambia per “egoismo” perché a dir suo faccio sempre quello che piace a me, ma che ci posso fare se quando prendo a cuore una situazione mi ci dedico anima e corpo?
    Se ne può parlare, prima di tutto per capire quanto tempo dovrei sottrarre alla doverosa collaborazione familiare.
    Ovviamente non mi preoccupo del tempo sottratto ai ragazzi, perché credo che da una esperienza simile ne potrebbe solo giovare.

    Sergio

  8. Volevo segnalare il mio primo cotributo su CriticalMap:

    Giretto senza rischi – Togliatti -Tor vergata
    Per consultare tutti i post inseriti nel percorso, fare refresh frequentemente sulla voce:
    Mostra tutti i post nella mappa corrente.
    Serebbe gradito qualche commento.
    Molto probabilmente questa sera sarò lì con i ragazzi.

  9. Per Sergio (Trip 66 ?)
    e per redattori e/o solo lettori di CriticalMap:

    Utilissimo e sicuro usufruire di itinerari testati da ciclisti veri in zone spesso non conosciute .
    Vera manna per i bicinternettiani il sito Critical Map, ma , visto che lo chiedi, suggerirei di specificare meglio TITOLI e descrizione specifiche dei settori, altrimenti se appaiono ISOLATI DAL CONTESTO
    “rotatoria pericolosa”, “finalmente metà percorso” non si capisce bene e spesso non invogliano ad aprire chè ci si potrebbe trovare in qualsiasi punto.
    Clamoroso per l’indicazione “fontanella”: ce ne sono già una decina e pur essendo un’informazione utilissima, se non si specifica DOVE rimangono un pò campate in aria. Meglio SPECIFICARE “fontanella in via tal dei tali”.

    Oppure per i percorsi lunghi NUMERARE LE TAPPE E RIFERIRSI SEMPRE ALL’ITINERARIO GENERALE.

    Io avrei fatto come per Caffarella e altri già pubblicati:

    TOGLIATTI-TOR VERGATA ciclabile senza rischi 1) da togliatti all’incrocio con…

    TOGLIATTI-TOR VERGATA ciclabile senza rischi 2) da.. a… finalmente a metà percorso

    e così via, secondo me rende più chiaro e conseguente anche a chi non è della zona e ha perplessità ad andare…

    Cmq GRAZIE per le inforamazioni di uso pubblico!

    AVe caiofabricius VALE

  10. Recepito i suggerimenti, effettuerò le correzioni quanto prima.
    Le cose piu’ scoccianti sono proprio il non poter inserire i commenti agganciati al percorso, e l’impossibilita’ di correggere un singolo spezzone del tragitto.
    I commenti infatti alla fine figurano fluttuanti nel nulla, a meno che il lettore non aggiorni spesso l’elenco dei post della mappa.
    Mi scuso con Marco se questi commenti sono a seguito di questo topic, eventualmente puoi indicarmi un luogo piu’ opportuno?

    Sergio

  11. Beh, potreste forse usare direttamente Critical Map, o scambiarvi gli indirizzi e-mail.🙂

    Cmq. Fabrizio, il link su Romapedala è sbagliato, rimanda ad un feed RSS e non a una pagina web. Prova a spiegarlo ad Oltre (sennò quando lo vedo glielo dico io).

  12. Ciao Marco,
    penso di aver segnalato male io, ma con le mie conoscenze informatiche scarsine non riuscivo ad evidenziare le sole pagine della Caffarella, al massimo Critical map Roma, ma tutti! Ed essendo ormai qualche centinaio ( e molti insistono con titoli criptici) era facile perdersi…

    Non si può essere tuttologi, penso cmq di aver reso un’informazione di pubblica utilità, anzi mi scuso se stò approfittando e fuorviando un post soprattutto di tue meditazioni personali, ma anche il non rispondere spesso lo trovo maleducato e/o supponente e non mi piace.
    Grazie.
    AVe caiofabricius VALE

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...