Tre giornate indimenticabili

Raccontare la Ciemmona è un compito ingrato. Si sa già che quello che arriverà ai lettori sarà solo una minima parte di quello che si è vissuto. Un po’ come provare a spiegare il "Don Giovanni" di Mozart semplicemente canticchiando le arie più famose, senza la ricchezza e la varietà delle soluzioni orchestrali: un’ombra dell’originale. Anche la "copertura fotografica" stavolta non è esaustiva, a differenza dello scorso anno ho preferito vivermi più l’esperienza, e scattare meno foto. È perciò già scontato in partenza che la narrazione non restituirà che le briciole di quelle emozioni, e tuttavia bisogna pur provare a raccontarle.

Venerdì, si comincia.
 

Venerdì sera, a "piazzale delle Masse Critiche", sono arrivato in ritardo, nonostante vi fossero due amici ad aspettarmi che non avevano mai partecipato a CriticalMass. Inutile dire che erano entrambi increduli. Intorno a noi centinaia e centinaia di biciclette (e ciclisti!) di ogni forma e colore, baciati dal sole aranciato del tardo pomeriggio. Si è scelto di mantenere l’appuntamento del venerdì per dare un segno di continuità con le Masse mensili, e rispetto all’appuntamento "interplanetario" del sabato il venerdì prima della Ciemmona è ancora sentito come la "Ciemme de Noantri".

alegrìa.JPG

("Alegrìa" – foto di M. D’Acunto)


Ci muoviamo. Viale Aventino, poi Caracalla, poi Porta Metronia. Accidenti quanti siamo! Ed essere in tanti aiuta, oltre che a sentirsi una collettività forte, anche nei confronti degli automobilisti e scooteristi, che si vedono le strade invase dalle biciclette e per solito reagiscono sfoderando bullismo ed aggressività.

img_0595.jpg


È oggettivamente difficile, dopo una vita di condizionamenti mediatici a base di pubblicità "machiste" più o meno occulte, far comprendere agli "autosauri" che le strade non sono di loro esclusiva proprietà e che devono rispettare gli altri utenti. Ancor più durante una Critical Mass in cui si "occupano" le strade non tanto per prevaricare il diritto dei motorizzati a percorrerle, quanto per dare visibilità ad una domanda di attenzione che non trova altri canali per esprimersi.

img_0594.jpg

Finiamo, come l’anno scorso (seguendo "chi sta davanti" per tradizionale consuetudine delle CM) sulla tangenziale. È quasi una sorta di "rito iniziatico" per  quelli che mai o solo raramente hanno partecipato ad una Critical Mass: riprendersi uno spazio totalmente negato all’interno di una città aiuta a rimettere in discussione tanti pregiudizi che solitamente si danno per scontati sulla mobilità, primo fra tutti il paradigma del "primato dell’automobile", che a fronte dell’evidenza di ciò che in bici si può fare cade miseramente in pezzi.

Sabato, l’apoteosi ciclica

L’appuntamento "interplanetario" vede una piazza gremita di ciclisti e biciclette.


 img_0607.jpg

img_0615.jpg

img_0627.jpg

img_0629.jpg

img_0651.jpg

img_0657.jpg


Già in piazza del Popolo le bici sono centinaia, ma una volta in movimento diventano, come per magia, migliaia. Come un fiume in piena invadono e riempono le strade cittadine, portando con sé allegria, vitalità e sollievo dall’incessante rombare dei motori a scoppio.

IMG_0670.JPG

img_0674.jpg

In mezzo al serpentone un ciclorisciò a quattro ruote ospita i percussionisti della "Malamurga".

img_0690.jpg

Il ritmo è incalzante e coinvolgente, e quando il corteo si ferma un po’ più a lungo del solito (per ricompattarsi) numerosi/e ciclisti/e all’intorno abbandonano momentaneamente le biciclette per danzare al ritmo nervoso e spigoloso della Murga, un ballo "di protesta" argentino ormai adottato dai centri sociali romani.

La gente a piedi ed alle finestre ci guarda, sorride ed applaude. Gli automobilisti bloccati reagiscono in maniere diverse: alcuni approvano e ci fanno gesti di saluto ed incoraggiamento, altri si arrabbiano e lanciano insulti. Qualcuno prova a forzare il blocco, ma viene, cortesemente quanto fermamente, circondato, dissuaso e convinto a soprassedere.

img_0686.jpg

In mezzo alla folla alcuni ciclisti venuti dalla Spagna per il Bike Forum pedalano nudi. Per loro la "Critical Mass Nudista" è ormai un appuntamento consolidato, ed in generale va detto che l’atteggiamento degli spagnoli nei confronti della nudità è abbastanza diverso dal nostro. La folla di ciclisti comunque li accetta, li guarda curiosa, sorride.

img_0685.jpg

Qualcuno/a si sorprende che non li arrestino per "atti osceni in luogo pubblico"… "Pedalare è un atto osceno?" ribatto io. La domanda/provocazione rimane sospesa, la risposta è ovviamente no, ma serve a focalizzare il punto che un corpo nudo, in sé, non è necessariamente osceno, e l’arte classica sta lì da millenni ad insegnarcelo. Eppure siamo talmente abituati alla mercificazione di tutto che non siamo più capaci di immaginare un corpo nudo che sia semplicemente libero, scoperto, e non intento a chissà quali "oscenità".

img_0683.jpg

Di fronte a questi ciclisti sono molto più "osceni" i corpi di adolescenti strizzati in costumi da bagno minuscoli (e costosissimi) che occhieggiano con aria libidinosa dai manifesti pubblicitari sparsi dappertutto, o che ballano sculettando in tutti gli show televisivi, corpi ridotti a merci, messaggio subliminale onnipresente in una cultura in cui voyeurismo e repressione della sessualità viaggiano a braccetto, partorendo mostri.

A Corso Vittorio raggiungo la testa del gruppo, metto la fotocamera in modalità "film" e comincio a girare mentre il serpentone scorre: passa un minuto, due, tre, le bici sfilano via veloci, alla fine del terzo minuto la ripresa si arresta (è un limite della macchina: il processore si surriscalda…) ma almeno la metà delle biciclette non sono ancora passate, a riprova il risciò della Malamurga non appare nemmeno in lontananza. Ma quanti siamo???

Scivoliamo sul lungotevere fino a Porta Portese, quindi indietro verso il Circo Massimo, Caracalla, San Giovanni. Il tempo passa, comincia ad esser tardi, la stanchezza si fa sentire. Avevamo in programma un Ciclopicnic al Pincio come "gran finale", ma siamo ancora molto lontani e non sappiamo dove la corrente ci porterà. Imbocchiamo la sopraelevata, comincia a far buio, non usciamo a San Lorenzo… "dove stiamo andando?".

img_0696.jpg

Qui avviene il misfatto, in una giornata che tra tante luci ha pure alcune "ombre". Le ricostruzioni "a posteriori" raccontando di come, a questo punto, "un gruppetto" di persone non meglio identificato si sia portato in testa al corteo e se lo sia "dirottato" sull’autostrada A24 in direzione Forte Prenestino… Nel passare in velocità (notevole) sotto il tunnel una bici malandata si apre in due, ed il malcapitato conducente ruzzola per alcuni metri sull’asfalto, fortunatamente senza farsi eccessivamente male.

img_0705.jpg

Nelle concitate fasi successive, tra soccorsi improvvisati, ambulanze fermate al volo, autocritiche, ramanzine dalla polizia stradale e sacrosante inca**ature varie, tramonta definitivamente l’idea di raggiungere il Pincio e ci si ritrova alla spicciolata, in una trentina di persone, nel giardinetto prospiciente la SNIA, dove il tanto atteso ciclopicnic può finalmente aver luogo.

img_0721.jpg

Sarà che sono particolarmente affezionato a questo tipo di situazioni conviviali, ma penso sarebbe una buona idea proporre la stessa cosa a tutti i partecipanti alla Ciemmona dell’anno prossimo.


Domenica, tutti al mare

Degna conclusione della tre giorni "ciclica" è l’andata al mare. Questa "passeggiata" si avvicina un po’ di più alle mie passate esperienze cicloescursionistiche con la Fiab, ma se ne differenzia per alcuni punti fondamentali. In primo luogo il numero di persone: centinaia.

img_0733.jpg

img_0739.jpg

img_0745.jpg

Centinaia di persone possono benissimo essere condotte in gruppo con modalità "classiche" (in Germania, al Radltour, eravamo in 1500), ma gestirle in modalità "+kaos" è ben altra cosa…

img_0752.jpg

Comunque il numero è forza, e anche se in qualche caso automobilisti e motociclisti hanno fatto il possibile per rendersi insopportabili, i nervi saldi di chi era in coda hanno garantito una piacevole esperienza a tutti gli altri: grazie! Un grazie va anche alla pattuglia di vigili urbani che, pur non richiesta, si prodiga per agevolare l’attraversamento di incroci e semafori sulla Colombo.

L’altra cosa rimarchevole è il tipo di biciclette utilizzate: in una parola:qualsiasi!

img_0754.jpg


Una pattinatrice se l’è fatta tutta sui rollerblades! Mi spiego: un conto è condurre un gruppo di escursionisti esperti e debitamente attrezzati, un altro è mostrare in maniera indiscutibile che uscite di quaranta chilometri (tanta è la distanza tra Roma e il mare) possono essere effettuate anche in sella a "Grazielle", bici pieghevoli e/o senza cambio. Da questo punto di vista insistere sulla realizzazione di itinerari a medio/lunga percorrenza appare maggiormente giustificato (certo, resto però dell’idea che la prima volta, a titolo sperimentale, si può fare con una bici qualsiasi, ma per le successive è meglio attrezzarsi).

La giornata scorre via in allegria, quasi troppo in fretta. In un batter d’occhio siamo al mare e "occupiamo" la spiaggia… libera.

img_0807.jpg

img_0814.jpg

img_0793.jpg

Il cielo è velato, ma anche per questo non fa troppo caldo. Molti/e si buttano in acqua, la spiaggia è piena di bici.

img_0784.jpg

È tempo di riflettere sull’assurdità di non avere una via ciclabile che consenta di raggiungere il mare.
Annunci

6 thoughts on “Tre giornate indimenticabili

  1. Utile l’auto limitazione del processore della fotocamera, fa risparmiare un sacco di batteria!!

    Il tuo resoconto, che ho letto e commentato su romapedala, contiene una frase che mi ha colpito:
    “Gli automobilisti bloccati reagiscono in maniere diverse: alcuni approvano e ci fanno gesti di saluto ed incoraggiamento, altri si arrabbiano e lanciano insulti. Qualcuno prova a forzare il blocco, ma viene, cortesemente quanto fermamente, circondato, dissuaso e convinto a soprassedere.”

    Ho paura che gli automobilisti abbiano soprasseduto a forzare il blocco dopo una rapida valutazione dei mutati rapporti di forza. Di solito le macchine sono più forti, e quindi danno addosso alle bici. Nella CM le macchine sono meno forti della massa delle bici e si acquietano, pronte a ritornare aggressive non appena la massa sarà tornata polvere.
    Tu che pensi, potrebbe essere invece stato un barlume di luce nei cervelli abbrutiti dal mix macchina/stereoapalla/ariacondizionata?
    ciao

    Magociclo

  2. sì, ero con marco dacu e apettavamo te! dapprima incredula, poi affascinata e al termine..galvanizzata!

    uno di quegli appuntamenti in cui nel dire “io c’ero” conta veramente! e nel dire “io c’ero” riappaiono voci, musiche, colori, risa, urla, entusiasmi, giochi..insomma tutto ciò che un buon pomeriggio di libertà può regalare e riaffiora il mio giro leggero e lungo sul pedale che venerdì sera si muoveva insieme ad una miriade di alri giri su altri pedali di ogni più svariata tipologia e questo muoversi silenzioso e compatto, seppur frizzante e scanzonato, aveva una forza interna che ad un certo punto inevitabilmente ha scavalcato i confini della strada ed è rimbalzata sui balconi, nei negozi e perfino nelle automobili a tutti quelli che hanno assistito dall’esterno. le reazioni le più disparate!
    è vero caro marco le parole rendono appena, forse le foto (qualcuna delle tue proprio ecceziunale) un po’ di più.

    ..pedalando continuavo a ripetere per strada a mio fratello a petia a tutti quelli che incontravo..è come se fossi finita dentro qualcosa che ho sognato..

    con le persone con cui ero ci siam persi..ritrovati..riallontanati..rivisti..tutto reso possibile da un ritmo fluido del tempo che in sella ad una bici si può ancora trovare

    ..non voglio aprire questioni sulla praticabilità di una soluzione alternativa come la bici per il trasporto a roma, è complicato, per ora mi fermo qua alle sensazioni di un venerdì pomeriggio per le strade di una città, almeno per qualche ora, rinata..

    anto dacu

  3. @ Magociclo
    Un barlume di luce passa e va, abbiamo bisogno di molto di più. La Ciemme non si fa per convincere gli altri, si fa per motivare sé stessi.

    @ Anto
    Peccato che vi siate persi la giornata di sabato! 🙂
    Cmq. la prossima CM sarà venerdì 29.

  4. in bici ci si deve andare tutti , ma proprio tutti i giorni, io ci vado ovunque …al lavoro, a cena fuori la sera , in vacanza….media percorsa ogni mese 550 kilometri…..ragazzi e ragazze usate la bici SEMPRE

    un bacio a tutti MARCO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...