La rinascita del Ciclopicnic

L’anno scorso, verso la metà di luglio, un tal Federico (che all’epoca neppure conoscevo) lanciò sulla mailing-list della Massa Critica Romana la proposta di un "Ciclopicnic". L’idea era di vedersi alle nove di sera, in bici, sulla terrazza del Pincio, e che ognuno/a portasse qualcosa da mangiare o da bere per dividerla con gli altri partecipanti. Spinto da curiosità ci andai anch’io. La dozzina di persone che si ritrovò lì poté verificare la genialità della sua intuizione. L’iniziativa venne perciò riproposta tutti i mercoledì sera fino all’autunno, quando i rigori del clima (soprattutto l’umidità serale) resero impraticabili i prati di Villa Borghese.

Dal gruppo di affezionati frequentatori è quindi nata una mailing-list, che è servita a darsi appuntamenti estemporanei per tutto l’inverno, sperimentare Ciclopicnic diurni in alcune domeniche, e dar vita ad iniziative consimili. Da domani si riprende con l’appuntamento serale.

Image Hosted by ImageShack.us

Cos’è che rende tanto affascinante il Ciclopicnic? È sempre difficile spiegare le cose troppo semplici. Penso che per comprenderlo occorra andare molto, molto indietro nel tempo, ripensare alle antiche tribù preistoriche quando la sera, dopo i lavori del giorno, la caccia o la raccolta di cibo, ci si ritrovava intorno ad un fuoco a passare insieme un momento piacevole nella condivisione di cibi e bevande. Riti antichissimi e quasi dimenticati, o trasformati fino ad essere ormai irriconoscibili.

C’è molto di questo nei Ciclopicnic. C’è la condivisione del cibo. C’è l’affinità elettiva determinata dall’usare la bicicletta, che ci fa condividere idee, sensibilità, esperienze e rischi che solo altri ciclisti possono comprendere. E questo, in qualche modo, fa di noi una tribù.

Una tribù urbana dispersa che periodicamente si ritrova intorno ad un immaginario fuoco, a raccontarsi storie, vicende, eventi, racconti di viaggi. Ad elaborare il presente ed immaginare il futuro, organizzarsi, progettare. Perché il mondo là fuori è stupido e ostile, ed è importante sapere di non essere soli ad affrontarlo.

Annunci

5 thoughts on “La rinascita del Ciclopicnic

  1. Ciao Marco. Io non sarei così pessimista. Il “mondo là fuori” non è “stupido e ostile” come dici tu. La trovo una generalizzazione (anche un pò offensiva) che non tiene conto delle mille diversità.
    Ciò premesso, credo che , senza andare troppo lontano nel tempo, questa bella esperienza di “tribù urbana” l’abbiano portata, prima di noi ciclopicnickers, molte comunità di immigrati che popolano la nostra città e che si radunano settimanalmente in posti diversi a seconda della loro provenienza.
    Credo che non sia una coincidenza: il genere umano ha comune origini e quindi anche affinità , che come dici tu, è bello riscoprire!
    Ciao
    Ciclomatrioska

  2. Ciao Marco,
    la cosa bella è che ognuno vive il C.P. a modo suo. Per me è un momento di convivialità nella semplicità, un incontro fra persone fuori dalle logiche del business serale. Un po come accadeva una volta: una pagnottela, una fiaschetta di vino, una biciletta e tanta libertà.

    Ci vediamo presto

    FaByS

  3. > Perché il mondo là fuori è stupido e ostile, ed è importante sapere di non essere soli ad affrontarlo.

    Uff… ecco la solita presunzione di essere nel giusto e portatore della “vera verità”: Marco calaaaaaaaaa…

    😉

  4. Oltre, non eri tu che pochi giorni fa raccontavi di un motociclista che per poco non ti ammazzava? Cos’era quello, un esempio di “intelligenza ed amicizia”?

    “Portatore della verità”????
    Non si può pensare di cambiare il mondo in meglio se si parte già convinti che il mondo sia meglio di noi…
    ;-P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...