Pino, la "Pantera Rosa"

(continua il racconto della nascita della mia bici PINO, la prima parte è QUI)

Image Hosted by ImageShack.us

Un bel giorno della tarda primavera dell’89 mi recai presso “Pino Cicli” per vedere finalmente il mio telaio fresco di consegna: bianco con le saldature dei tubi blu/celeste. La prima cosa che mi venne da dire è: “Il colore è orribile!”.

Orbene, solo ed unicamente per chi non abbia vissuto il periodo a cavallo tra gli anni ’70 e l’inizio dei ’90 le bici dell’epoca conservano l’alone romantico del “vintage”… i telai soprattutto, tipicamente in blu/grigio metallizzato, o strettamente bicolori, a sfumare sulle saldature dei tubi.

Per contraltare alla seriosità delle bici da corsa dell’epoca, le mountain bike, soprattutto se economiche, sfoggiavano livree degne dei pesci di un acquario tropicale, in un tripudio di incredibili ed arlecchinesche policromie che, ad oggi, nessuno rimpiange. Il mio telaio era del tipo “classico”: biancastro sui tubi con sfumature celestine sulle giunzioni. Tristezza! Fosse stato a tinta unita, beh, pazienza… ma cosi proprio non lo volevo!

Alla mia affermazione il buon Pino colse la palla al balzo: “Non ti preoccupare, se non ti piace lo rivernicio del colore che vuoi. Ti faccio spendere anche poco.” Io guardai il telaio, valutai l’opportunità, quindi ne seguì questo dialogo, riportato quasi parola per parola:

Io (possibilista) “Di che colore lo potresti fare?”

Lui (di rimando, spavaldo): “Qualunque colore!”

Io (poco convinto): “Dài, sul serio, che colori hai?”

Lui (inflessibile): “Qualunque colore!”

Io (sfidato): “Ma dài! E se adesso ti chiedessi…” (mi guardo intorno alla ricerca del colore più assurdo possibile, vedo un sellino fucsia, lo agguanto e glielo sventolo davanti con aria di sfida) “…di farmelo di questo colore?”

Lui (un attimo di perplessità): “Certo! Anzi, sai che ti dico?” (rilancia la sfida) “Te lo faccio proprio così!”

Io (spiazzato): “Aspetta un attimo…” (di fronte ad una possibilità fin lì impensabile mi prendo cinque secondi per riflettere: visualizzo nella fantasia un telaio completamente fucsia, pazzesco, una bicicletta talmente folle ed assurda da far storcere il naso pressoché a chiunque, mi vedo affrontare la sfida di non apparire ridicolo su una bici assolutamente improbabile… deciso!) “Ok, falla così!”

Lui (tranquillizzante): “Comunque non ti preoccupare, te la faccio con le sfumature nere alle giunzioni dei tubi (sic!), come la squadra corse XY…”

Io (ormai lanciato nel mio delirio): “No. Non se ne parla proprio. Me lo fai interamente fucsia.”

Lui (perplesso): “Ma… sei sicuro?”

Io (deciso): “Sì! Poi mettiamo un nastro manubrio bianco, e la sella…”

Lui (ormai coinvolto nel delirio): “Come sella ti suggerisco questa!” (e tira fuori una sella San Marco “Rolls” bianca come il latte)

Io (entusiasta): “Perfetto, allora la facciamo tutta fucsia e bianca!”

Era nata PINO, nella sua prima versione: “Pink Panther”!

Image Hosted by ImageShack.us

Qui si può ammirare in tutto il suo splendore nell’estate del ’91, in Austria. Da notare gli accessori: parafanghetti bianchi da corsa (in plastica), tasca triangolare all’incrocio del telaio e sacche da viaggio (microscopiche) anch’esse fucsia. Si nota bene la coppia di leve cambio sopramanubrio a sei velocità e la pompa lunga al telaio (dopo 25 anni sta ancora lì!). Le leve freni hanno i gommini neri ed i cavi uscenti verso l’alto, saranno sostituite di lì a breve da una coppia di leve con gommini bianchi e cavi a scomparsa.

(continua?)

Annunci

3 thoughts on “Pino, la "Pantera Rosa"

  1. Beh, uno dei motivi per desiderare una Ferrari è il desiderio di non passare inosservati. Averla fucsia riduce ulteriormente il rischio che ciò accada. 🙂

    P.s.: a volte l’avere pochissimi commenti mi abbatte… grazie per aver trovato qualcosa da aggiungere ad un post, tutto sommato, molto più “personale” della media di questo blog.

  2. Pingback: Io e Pino | Mammifero Bipede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...